In viaggio con MarinoBus: Roma - MarinoBus

In viaggio con MarinoBus: Roma

Parlarvi della capitale d’Italia può essere impegnativo, ma è un fardello che siamo disposti a portare.

Innamorarsi di Roma è un po’ come chiedere ad un bambino se preferisce la cioccolata alle verdure. Insomma, è facile. 

Suggerirvi cosa fare, vedere e mangiare ci mette un po’ in difficoltà. Infinite infatti sono le possibilità che questa Roma offre. 

Sapete però che ci sono luoghi della città che poco sono conosciuti? O meglio, che solo i romani conoscono.

Come dar loro torto però, chiunque avrebbe difficoltà a condividere col mondo questi gioiellini.

Ma noi siamo disposti a spoilerare anche queste chicche, pur di garantirvi un bellissimo soggiorno nella città Eterna.

Villa Balestra e il Giardino degli Aranci sono solo due dei gioiellini di cui vi parlavamo.

In cima a monte Parioli si trova Villa Balestra che regala a chiunque la visiti una fantastica vista panoramica su Roma e Città del Vaticano. Si tratta di un giardino ellittico che al suo interno ha grandi aiuole, un parco giochi ben attrezzato per i più piccoli e un punto ristoro. È proprio una chicca imperdibile!

Il Giardino degli Aranci invece, è da qualche anno meta di tantissimi turisti. Collocato sull’Aventino, regala il belvedere più romantico di Roma. Il suo nome ufficiale è Parco Savello, ma vi raccontiamo il perché del suo nome più conosciuto.

Si narra che all’interno di questo giardino ci fosse un albero di arance, considerato magico perché il frutto dei resti di un arancio piantato da San Domenico Guzman, fondatore dell’ordine dei domenicani. Carina questa leggenda, no?

Meta da non perdere, e qui invece siamo felicemente banali, è Trastevere

Rione dalle origini semplici e popolari, è l’icona della movida serale. Vi consigliamo però di visitarla non solo di giorno ma in un giorno infrasettimanale: riuscirete a godervi la magia della tranquillità e ad assistere alla serenità dei vecchietti che, in Piazza Calisto, giocano a carte nelle giornate più miti. 

Sì okay, tutto molto bello ma a noi questo girovagare ha fatto venire già un po’ di fame.

Dove si mangia a Roma? Beh, il dove è poco importante perché a Roma dove mangiare è un gioco da ragazzi. 

Vi diamo solo due buonissimi motivi per raggiungere Roma. Due sono anche tanti perché già al primo vi convinciamo.

1: Supplì. Ma che je voi dì al supplì? È un caposaldo della cucina romana. Occhio però a non confonderlo con l’arancina siciliana. Fatto di riso condito con ragù di carne, ha una forma allungata e cilindrica. Si mangia rigorosamente con le mani e, se aperto a metà, avviene la magia: mozzarella filante. Ed ecco a voi il supplì al telefono, puro paradiso. 

2: Maritozzo. È un panino lievitato non eccessivamente dolce, tagliato al centro e farcito con soffice panna. Ma perché questo nome? Si racconta che i futuri mariti lo regalassero alle loro fidanzate il primo venerdì di marzo, che ad oggi corrisponde al giorno di S. Valentino. 

È così tanto una celebrità per i romani e non, che al maritozzo è stata dedicata una giornata. Il 7 dicembre è infatti il Maritozzo Day

Beh allora, Maritozzo, biglietto MarinoBus e si parte alla volta di Roma?

Consigli di viaggio

Milano a Dicembre? Da Andy Warhol al Balloon Museum, 3 appuntamenti imperdibili!

Fotografia, arte, mostre interattive: dicembre è un mese davvero ricco sotto questo punto di vista, a Milano. Abbiamo scelto per voi tre appuntamenti imperdibili se siete a Milano a Dicembre e anche oltre.   Appassionati di fotografia all’appello! Dal 21/09/2022 Palazzo Reale celebra Richard Avedon, uno dei più grandi maestri della Fotografia. La mostra racconta diversi momenti della sua carriera: gli esordi nel mondo della moda, la sua duratura collaborazione con Gianni Versace iniziata con la prima collezione primavera/estate dello stilista nel 1980 e finita con quella del 1998 firmata dall’esordiente Donatella Versace.  Sarà possibile ammirare anche un’ampia selezione di ritratti di celebrità del mondo dello spettacolo, attori, musicisti, attivisti per i diritti civili e tantissimi altri. Marylin Monroe, Sofia Loren, Andy Warhol e Dalai Lama sono solo alcuni dei nomi più importanti.  Non siete a Milano a Dicembre? Non temete! Richard Avedon vi aspetta fino al 29/01/2023.    Secondo appuntamento imperdibile è “La Pubblicità della Forma”, mostra che ricostruisce tutte le fasi della carriera di Andy Warhol, artista che ha rivoluzionato la storia dell’arte del Novecento.  Dal 22 Ottobre 2022, dopo quasi 10 anni dall’ultima mostra, l’artista è tornato a Milano dove è possibile ammirare in maniera del tutto inedita le oltre 300 opere presentate.  La Fabbrica del Vapore ha l’onore di ospitare quest’evento unico che raccoglie le opere prodotte tra gli anni ‘50 e ‘80. Gli anni ‘60 rappresentano quelli più prolifici per l’artista. In questi anni si è rivelato essere “commentatore sociale”: ritrae infatti icone come Campbell’s Soup, la fama di Liz Taylor e Marilyn Monroe e disastri (il volto di Jackie Kennedy al funerale del marito). Tra gli anni ‘70 e ‘80, Warhol vivrà la sua fase più camaleontica: sarà il tempo in cui l’artista si presenterà come The Society Artist e come padre spirituale della nuova generazione di artisti. Jean-Michel Basquiat e Keith Haring sono alcuni dei nomi più celebri. Andy Warhol sarà a Milano fino al 26 Marzo 2023. Passiamo a prendervi e partiamo?   Milano si sa, è la città delle mille opportunità e delle tantissime possibilità di intrattenimento. Se non siete tipi da museo e l’arte non fa per voi, vi segnaliamo un’interessantissima iniziativa! Dal 23 Dicembre 2022 al 12 Febbraio 2023 Milano ospiterà presso Superstudio+ l’experience exhibition che ha conquistato 1 milione di spettatori in giro per il mondo. Stiamo parlando del Balloon Museum che dopo Parigi e Roma, sbarca a Milano. Sarà infatti la terza tappa al mondo ad ospitare uno dei movimenti Pop più acclamati al mondo.  Lo spettatore è il protagonista di questa experience in cui l’arte gonfiabile sprigiona la sua capacità espressiva. Stimolare la curiosità dello spettatore attraverso grandi installazioni gonfiabili e opere luminose disposte su una superficie di oltre 20.000 metri quadrati. È questo lo scopo della Pop Air, che rende protagonista l’Aria e dà vita ad un viaggio nel mondo dell’arte gonfiabile capace di liberare la fantasia.    Allora che fate? Biglietto MarinoBus e voliamo come palloncini verso il Balloon Museum? Ti aspettiamo a bordo!